Dien Chan

Una tecnica molto valida, importata recentemente nel nostro Paese ma non ancora molto conosciuta, è quella del Dien Chan, che permette di ottenere risultati praticamente immediati e soprattutto evidenti. E’ un tipo di riflessologia facciale che non si propone solo come trattamento verso l’altro, ma promuove un ideale importante di autoguarigione; è ben risaputo, infatti, che siamo in prima persona i migliori medici di noi stessi, se impariamo ad ascoltarci e se impariamo come muoverci.
Il Dien Chan nasce, come tutte le soluzioni realmente efficaci, in risposta ad un’esigenza. In questo caso, la necessità era quella di un medico vietnamita di alleviare le pene dei cosiddetti “malati di serie C”, negli anni in cui si combatteva la guerra in Vietnam, gli ultimi decenni del 1900. Questi malati “declassati” non erano solamente i più anziani, ma tutti gli individui considerati ormai senza speranze o aspettative di miglioramento, a cui non era riservato il privilegio di poter assumere farmaci o medicinali. Ricercando un approccio alternativo di supporto al malato, che non prevedesse questo tipo di soluzioni tradizionali, il Professor Bui Quoc Chau e la sua equipe ebbero l’intuizione di considerare la superficie del volto come una vera e propria mappa del corpo, sfruttando l’input e gli strumenti di base della millenaria tecnica orientale dell’agopuntura. Il medico ed il suo team arrivarono ad individuare 600 punti riflessi degli organi, dei meridiani e delle loro interazioni che rappresentano il corpo nella sua totalità. Attualmente questi punti sono stati ridotti a qualche decina per facilitarne il riconoscimento e dunque l’utilizzo.

Attraverso la stimolazione di questi punti specifici del volto, con l’aiuto di strumenti tanto semplici quanto precisi come un cerca punti (che potrebbe essere sostituito con qualsiasi strumento casalingo dotato di una punta sottile e arrotondata), l’operatore di Dien Chan è in grado di sbloccare tensioni nel corpo fisico ed emozionale che causano insofferenza, fastidio o dolore.

Esistono procedure quotidiane di prevenzione e auto-coscienza per l’auto trattamento e sequenze di stimolazione definite da replicare per alleviare il dolore causato dai più svariati tipi di problematica fisica ed emozionale. Non solo mal di testa, mal di stomaco, mal di schiena, ansia e stress; può essere usato come soluzione complementare a tecniche tradizionali in casi più gravi di ambito traumatologico (dopo incidenti, trombosi, ictus etc) o patologie degenerative, per velocizzare la guarigione e donare sollievo alla persona che si sottopone al trattamento.

la tua creatività aiuta le tue emozioni ad esprimersi

Quando sei stanco, disegna fiori. Disegnare fiori aiuta a ricaricare la tua mente e a dissolvere la nebbia nel cervello.
Quando sei arrabbiato, disegna linee. Linee curve, linee rette, qualsiasi tipo di linea ti piaccia.
Quando sei nel dolore, costruisci un modellino o fai un puzzle per aiutare a distrarre la mente.
Quando ti annoi, prova a colorare.
Quando sei triste, dipingi un arcobaleno.
Quando hai paura, aggiusta qualche oggetto per prendere più sicurezza in te.
Se sei preoccupato, fai delle piccole costruzioni.
Se ti senti indignato, strappa piccoli pezzi di carta e disponili a schema.
Se sei ansioso, prova a fare degli origami.
Quando sei teso, disegna modelli.
Se ti senti nostalgico, disegna un labirinto.
Quando sei deluso, copia un ritratto o un dipinto.
Se ti senti confuso, disegna un mandala.
Se ti senti disperato, disegna il tuo modo per uscirne.
Se hai bisogno di forza, dipingi un bel paesaggio.
Se non riesci a sentire i tuoi sentimenti, disegna un autoritratto.
Se hai bisogno di ricordare questo preciso momento, disegna modelli colorati.
Se la tua mente è nella più totale confusione, disegna quadrati o esagoni.
Se hai bisogno di prendere una decisione, disegna onde e cerchi.
Se senti che stai percorrendo una strada sbagliata, disegna spirali.
Quando hai bisogno di raggiungere un obiettivo, disegna un bersaglio.

inizio di un nuovo anno

Ho avuto in percorso tante persone che si sono rivolte a me per malesseri emozionali e dolori fisici.
Ogni volta mi sono ritrovata ad ascoltare la voce dei loro corpi che durante il trattamento raccontava la loro storia.

Ho potuto, nel vero senso della parola, toccare con mano quanto anima e corpo siano profondamente e indissolubilmente legati.
Ho avuto conferma che il corpo spesso presenta blocchi, dolori e malattie che sono in realtà espressioni di un disagio interiore.
E, viceversa, che uno stato d’animo positivo e sereno ci predispone ad una reale sensazione di benessere fisico.
Per questo la salute di entrambi è importante e l’uno contribuisce profondamente al benessere dell’altro.

Come ha ben descritto Alexander Lowen il linguaggio del nostro cuore e della nostra anima penetra nel corpo e risveglia in esso percezioni ed esperienze.

Finchè le nostre idee, le nostre risorse, i nostri obiettivi e potenzialità non entrano nei muscoli, nel respiro, nel corpo tutto, restano solo voci.
Solo quando si concretizzano nel corpo prendono vita e possono trasformare la nostra esistenza.
Così la nostra anima entra nel corpo e il corpo ne viene trasformato e caratterizzato.

Qual è il rapporto tra anima e corpo?
Sono ostili uno all’altro?
Sono dissociati?
Si tratta di dominio e sottomissione o piuttosto coesistono armonicamente?

Quando anima e corpo coesistono in armonia possiamo veramente aprirci al mondo e vivere pienamente.
Posso dire di aver sempre cercato e perseguito questa armonia, nel mio lavoro e nella vita quotidiana, studiando e applicandomi nell’esperienza di tutto ciò che mi permettesse di approfondire questo tema.

Credo profondamente nella forza del bene e nelle potenzialità che ognuno di noi possiede.
Credo profondamente nella possibilità di migliorare se stessi al fine di una vita e, perché no, di un mondo migliore.
Piccole gocce in un oceano.
Ma se non sbaglio proprio di gocce l’oceano è fatto.
L’impegno in cui credo è quello di fare, ogni giorno, il proprio meglio per il proprio meglio.
Per il proprio corpo e la propria anima.
Per vivere e non per “essere vissuti” dalle giornate.
Basta ricordarselo ogni giorno.
E provarci.

Il corpo ha una potenzialità di benessere e di energia inaspettati se solo si ha la cura di occuparsene con la giusta attenzione.
E come un muscolo, anche la nostra anima si allena, impara, si modifica e migliora il suo potersi manifestare.
Perché il corpo non mente mai.
Quindi va ascoltato.
E l’anima sa già tutto.
Solo dobbiamo permetterle di esprimersi.
Basta volerlo fare. E poi farlo.
Io credo in questo impegno, credo in questa opportunità.
E con questo progetto intendo suggerire come cogliere questa opportunità a chi ne fosse interessato.

L’amore per la vita è la base della vita stessa.
E io nell’amore credo.
Anima e corpo.

Maestri invisibili

” I MAESTRI INVISIBILI ”
E’ un seminario esperienziale che si prefigge di insegnare come contattare i propri spiriti guida attraverso l’accesso alle funzioni superiori della coscienza come immaginazione e intuizione. Il metodo sperimentato e messo a punto da Igor Sibaldi (come spiegato in molti dei suoi libri sull’argomento) è semplice e verificabile e non necessita di particolari stati di coscienza.
In questa ‘dimensione’ i nostri maestri ci insegneranno a sfidare limiti, convenzioni, pensieri non nostri e desideri ereditati, luoghi comuni e buon senso per arrivare a funzionare attraverso il nostro ‘Io Grande’, un ‘Noi’ più forte, intuitivo, capace di imprese molto più grandi di quelle che noi, con la nostra coscienza ordinaria, osiamo permetterci.
Alcuni argomenti trattati nel seminario saranno:
Strutture superiori della coscienza.
Gli Io e Gli altri: chi sono IO?
L’Io piccolo e L’io Grande.
I limiti e il superamento dei limiti.
Gli spiriti guida come contattarli e avere con loro un dialogo affidabile.
Set up della mente e preparazione all’incontro coi Maestri.
I desideri ,la volontà e la legge d’attrazione come cammino evolutivo.
La spiritualità secondo i Maestri Invisibili.
I Vari tipi di guide che è possibile contattare.
I registri Akashici e come accedervi.
Realtà multidimensionale e coscienza olografica.
Molti insospettabili personaggi nella storia hanno lavorato con queste figure, il poeta Yeats nella sua opera ‘Una Visione’ ne dà un resoconto dettagliato. Dante ha sperimentato un viaggio con i suoi spiriti guida (Virgilio e Beatrice) alla ricerca di sé e ne ha lasciata un’accurata cronaca nella Divina Commedia. Carl Gustav Jung stesso descrive il suo rapporto con uno dei suoi spiriti guida (Filemone) in questo modo:
“Filemone rappresentava una forza che non ero io. Nelle mie fantasie conversavo con lui e mi diceva cose che io coscientemente non avevo pensato, e osservai chiaramente che era lui a parlare, non io…Da un punto di vista psicologico Filemone rappresentava un’intelligenza superiore…A volte mi sembrava reale proprio come se fosse una persona viva…era per me ciò che gli indiani chiamano un ‘guru’ “
Durante il corso non si andrà in trance, né si useranno mantra, suoni speciali o iniziazioni, si rimarrà sempre perfettamente lucidi e in pieno controllo. Ciononostante, si riuscirà agevolmente ad esplorare questi luoghi della psiche, tanto più accessibili oggi, quanto più si ha il coraggio di lasciarsi dietro paure, timidezze, tradizioni e incredulità.
Nota, per partecipare è necessario un quaderno, una penna e una Bibbia che non ha scopo religioso ma servirà solo per condurre alcuni degli esperimenti del contatto psichico.

Il respiro …e la risata del cuore

Alla base base di tutto c’è il modo di camminare.
E’ una cosa alla quale la gente ormai non pensa più…
Sta tutto nel cercare il respiro, facendo pratica con quello con cui ti senti maggiormente in sintonia. Devi dedicare un po’ di tempo a sentire in che modo l’aria entra e esce da te. Quando hai trovato il tuo respiro, pensa al modo in cui la respirazione può far muovere le tue gambe…poco alla volta troverai la tua andatura…

Alla fine ti accorgerai che, con quella diversa andatura, quando il piede poggia a terra in quel modo nuovo, dentro di te nasce qualcosa. Una specie di emozione, simile alla gioia. E’ il germoglio della risata. Quell’emozione, quella sensazione, è ciò che devi trasformare nella tua risata.

Un po’ alla volta, senza fretta, dovrai estrarre e fondere la risata scaturita da quei passi. Prova la risata che ti piace di più, abbandonati a lei. Quella è la tua risata e senza quasi che tu te ne accorga, cambierà il tuo modo di essere e di godere la vita”.

dal libro di Albert Espinosa Braccialetti Rossi.

Trattamento “Mary Rose”

Ho sentito l’esigenza di creare un trattamento mirato per uomini e donne nel pieno della maturità dando particolare attenzione alla pelle, al tessuto connettivo. Con questi trattamenti sto avendo splendidi risultati.

A cosa serve?
I trattamenti Mary Rose sono gli unici trattamenti fisiologici anti-gravità che hanno una funzione sfiammante e anti-cedimento. Si usano per combattere i cedimenti della pelle, la perdita di tonicità, i gonfiori.

Come funziona?
Grazie al potente principio attivo compattante, brevetto clinicamente testato, ipoallergico e naturale, abbinato ad un massaggio dal metodo specifico diverso per ogni zona del corpo da trattare, si vedranno i risultato fisiologici anti-gravità.

Risultati:
In base alla zona del corpo trattata potrai notare un rapida eliminazione di gonfiori e flaccidità sia su aree ristrette sia su zone molto estese del corpo, un rassodamento evidente delle parti critiche del corpo, pelle più compatta, profonda tonificazione, levigazione e distensione rughe di viso e collo con un ringiovanimento immediato.

I massaggi:

  • Massaggio mani e piedi con impaccio rigenerante :
    questo massaggio prevede una forte azione sgonfiante e riformatrice sugli irrigidimenti artrosici e callosità
  • Trattamento viso e collo con massaggio:
    dopo il massaggio potrai notare una profonda tonificazione, levigazione e distensione rughe con ringiovanimento immediato
  • Obiettivo corpo:
    Ha una specifica metodica di manualità e principi attivi;
    Rapida eliminazione di gonfiori e flaccidità del corpo con risultato di rassodamento  snellente.

 

Per maggiori informazioni: Trattamenti Mary Rose

 

DIEN’ CHAM’ riflessologia facciale vietnamita

577087_411959158857310_2144624758_ncosa posso aspettarmi da questa tecnica ?
-posso curarmi delle malattie banali senza dover automaticamente ricorrere all’intervento di un medico.
-alleviare i miei mali in modo semplice efficace e veloce
-ritrovare la salute,indicendo un effetto-medicina..senza doverle prendere
-essere autosufficienti per quel che riguarda la prevenzione delle malattiein modo semplice con poca fatica in breve tempo …e tutto gratis !!!!!
Dopo tanto lavoro di apprendimento ho sentito l’esigenza di approfondire la mia conoscenza del viso … mi affascinava il fatto che sul viso ci fossero 5 mappe riflesse del corpo e che si potesse aiutare una persona facendola sedere davanti a te, guardandola negli occhi e stimolandole alcuni punti del viso
all’inizio è stata una pratica su di me per dimagrire un po’ e sentirmi piu’ leggera ,
poi ho iniziato ad insegnare dei punti ai miei clienti per trattarsi a casa
delle semplici problematiche ..che non provocano tanti problemi, ma sono li’ latenti e non ti permettono di vivere completamente la tua vita … cervicale, mal di schiena, incontinenza urinaria, cistite, prostata , cisti ovariche ,mal di braccia , gambe gonfie , addome gonfio , appetito eccessivo, alluce valgo, Queste sono le prime cose che fin ora ho sperimentato , ma che hanno già dato dei risultati
Non sono ancora operatrice , ma ho inserito nel mio massaggio classico questi punti e posso insegnarli per l’auto trattamento che il cliente si fa da solo a casa in modo veloce e piacevole …Provare per credere !!!!!

 

massaggio della donna in attesa

Durante tutto il periodo della gravidanza, la gestante deve dedicare una parte della giornata alla cura del proprio benessere psicofisico per preservare uno stato di salute ideale. La madre felice, fisicamente ed emotivamente forte è in grado di provvedere alle cure necessarie al bambino prima e dopo la nascita. Il massaggio della donna in gravidanza aiuta a mantenere una buona circolazione e previene ritenzione idrica e gonfiore generati dalla gravidanza; rilassa le tensioni della schiena, la zona lombare e gli arti, attraverso manualità lente, armoniose e tocchi delicati, migliora il respiro e induce serenità e rilassamento.
Anche dopo il parto, la madre dovrebbe essere massaggiata ogni giorno, con particolare attenzione all’addome e al bacino, per aiutarla a ritrovare uno stato ideale di benessere psicofisico, che le consenta di affrontare la maternità con assoluta serenità, dedicandosi al figlio con amore e consapevolezza .

massaggio bimbo

Le nostre mani non solo comunicano amore, tenerezza e calore, ma quando usate per massaggiare infondono sicurezza, voglia di vivere e benessere. Il classico ” massaggio della bua ” che una mamma fa al proprio figlio, per esempio, ha un preciso fondamento. Il massaggio del bambino è un’ antica tradizione presente in culture di molti paesi. Nella tradizione indiana, per esempio, rientra nella routine di tutti i giorni ed è considerato importante per la salute e il benessere del bimbo allo stesso modo del cibo e del buon sonno. Dal momento della nascita e per i primi tre mesi di vita il bimbo viene massaggiato quotidianamente e successivamente due o tre volte la settimana. Negli ultimi anni questa pratica è stata riscoperta e si sta espandendo anche nel mondo occidentale. Recenti ricerche hanno confermato l’effetto positivo del massaggio sullo sviluppo e sulla maturazione del bambino a diversi livelli. Con il massaggio possiamo accompagnare, proteggeree stimolare la crescita e la salute del nostro bambino. Questo trattamento stimola, fortifica e regolarizza il sistema circolatorio, respiratorio, muscolare, immunitario e può rivelarsi un buon sostegno nei disturbi del ritmo sonno-veglia.Durante il trattamento alla mamma vengono spiegate le tecniche del massaggio